Crea sito

                                       Oltre Casa dei Diritti Don Gallo

   Ci sono voluti oltre tre anni per superare l'esperienza di Casa dei Diritti Don Gallo, le palazzine di via Tommaseo 90, che per lungo tempo sono state l'unico luogo di accoglienza possibile per una sessantina di richiedenti asilo e rifugiati a Padova, ma anche tappa e ricovero, per periodi più o meno lunghi, per centinaia di migranti passatici.

   Entrare in quelle stanze, nel dicembre 2013, non fu un capriccio ma un passaggio obbligato. Dopo due anni di ospitalità presso i centri attivati in Città durante la cosiddetta Emergenza Nordafrica si erano infatti ritrovati senza un luogo in cui stare e, soprattutto, senza aver mai potuto beneficiare di quei percorsi di inclusione che sono l'essenza stessa dell'accoglienza.

  Pochi corsi di lingua e inadeguati, nessuna formazione professionale, nessun servizio di tutela psicologica, nessuna occasione di tirocinio o esperienza lavorativa. Solo vitto, alloggio e una condizione di attesa insopportabile.

Si trattava di rispondere quindi ad un bisogno, di conquistarsi una possibilità ingiustamente negata da chi sulla loro pelle aveva guadagnato senza offrire ciò che avrebbe dovuto.

  A distanza di tre anni il fallimento di quel sistema “emergenziale” è ormai riconosciuto da tutti. Ed oggi, il tema dei percorsi di inclusione e integrazione, offerti dai circuiti di accoglienza, è al centro del dibattito nel nostro territorio e altrove.

   Per lungo tempo, invece, la realtà di Casa Don Gallo è stata dimenticata, talvolta avversata.

Non sono mancati certo la solidarietà dal basso di molti cittadini e Associazioni che, come noi, hanno cercato di supportare l'esistenza degli abitanti. Casa Don Gallo è stata in questo periodo anche un laboratorio di sperimentazione attraverso la ciclofficina auto-gestita, la falegnameria Refugees Wood Project, il cortile coi differenti luoghi di culto religioso e lo spazio/cucina africano,  il progetto Rifugiati nei Libri e molte altre iniziative.

  Ciò che è mancato, invece, è stata l'attenzione da parte delle istituzioni. Per questo i momenti trascorsi sono stati anche difficili: con la negazione dell'iscrizione anagrafica e l'accesso a diversi diritti, l'impossibilità di usufruire dell'energia elettrica o di attivare il riscaldamento.

  Oggi però, dopo un lungo percorso che ha visto coinvolti diversi attori istituzionali,  la Caritas, la Confcooperative ed il Fondo straordinario di solidarietà di Fondazione Cariparo, la possibilità di superare quell'esperienza è diventato un fatto concreto.

Grazie alla collaborazione di molti, le persone abitanti dall'inizio e protagoniste dell'esperienza sono state inserite in percorsi di formazione lavorativa, con tirocini e borse lavoro a Padova e in Provincia.

Con altri, è stato possibile lavorare affinché si realizzasse il loro progetto di vita che li portava lontano da qui.

  Così le porte di Casa Don Gallo si chiudono nella speranza che questa Città abbia imparato la lezione, che i percorsi di accoglienza, attivati oggi, sappiano offrire strumenti e opportunità per non cadere nell'ombra della marginalità sociale ed economica.

Purtroppo, ciò che vediamo intorno a noi non fa ben sperare. I grandi centri delle nostre province, l'accoglienza straordinaria senza servizi certi e controllati, la resistenza di molti Comuni ad attivare percorsi di accoglienza integrata nello SPRAR prospettano un futuro fatto ancora di esclusione per molti, troppi migranti forzati.

Ma questa è già la nostra prossima battaglia, con Annor nel cuore, ragazzo della Casa che ci ha lasciati l'inverno di due anni fa, perché il suo sogno  di vita degna viva in sogni realizzati dei suoi fratelli.

 

Associazione Razzismo Stop

Padova 23/3/2017

▶▶ Mercatino Solidale e Aperitivo Etnico spostato al 04/06!!

50 rifugiati occupano una palazzo abbandonato: nasce la Casa dei Diritti "don Gallo"

Fuggono da guerre e persecuzioni ma una volta giunti in Italia solo il 32,4% di loro trova un luogo dove stare. Sono i rifugiati, riconosciuti tali dalle istituzioni italiane ma poi confinati nella periferia dei diritti.
Ma c’è chi non si arrende.
E’ successo anche il 18 dicembre 2013 in via Tommaseo 90, a Padova, quando circa cinquanta rifugiati hanno occupato la vecchia sede di Meeting Service Spa, un palazzo vuoto da anni e finito all’asta dopo il fallimento della società.

Vengono dall’Eritrea, dalla Somalia, dal Ghana, dal Mali, dal Senegal, dal Togo, dalla Nigeria.
I loro lineamenti richiamano i volti che abbiamo visto scorrere nelle immagini girate all’interno del cpsa di Lampedusa negli scorsi giorni. I loro passaporti non sono diversi da quelli di altre migliaia di persone inghiottite dal Mar Mediterraneo in questi anni e che riescono a suscitare tanto cordoglio e indignazione.
Loro, che invece hanno avuto la fortuna di approdare vivi sulle nostre coste, sono poi stati abbandonati dalle istituzioni, come accade ad altre migliaia di titolari della protezione internazionale in Italia.
Hanno vissuto per mesi nei CARA o nel circuito dell’emergenza nordafrica, alcuni sono arrivati a Lampedusa solo poche settimane fa, altri hanno cercato di raggiungere il Nordeuropa rimanendo ingabbiati nelle incomprensibili leggi che limitano la circolazione interna all’Unione, altri ancora hanno trovato rifugio gratuito per mesi nei locali di via Gradenigo 8, l’Associazione Razzismo Stop.
Per troppo tempo sono stati dimenticati, celati agli occhi dei più, ignorati dalle amministrazioni e ricacciati, e oggi hanno scelto di non fuggire più.

Non chiedono assistenza, ma la possibilità di provarci, di costruirsi un futuro degno dopo che il loro passato è stato cancellato da conflitti e persecuzioni.

Intorno alle undici hanno raggiunto lo stabile insieme agli attivisti di Razzismo Stop, di Asc e del Centro Sociale Pedro e hanno riaperto uno dei tanti palazzi abbandonato al degrado dalla rendita speculativa. Uno tra i tanti immobili lasciati colpevolmente vuoti a fronte di centinaia, migliaia di persone, condannate alla precarietà abitativa.

A via Trieste e via Salandra, si aggiunge così l’esperienza del terzo palazzo occupato a Padova, quello di via Tommaseo ribattezzato Casa dei Diritti "don Gallo".
Chissà che questa volta qualcuno si accorga di loro.

[fonte: http://www.meltingpot.org]